PASQUALE CATERISANO BLOG

Dico la mia… spesso e volentieri

‘La Pecorella smarrita’ (di Marco Travaglio)

Posted by Suncore su gennaio 27, 2007

Ora sì che lo riconosciamo di nuovo. È tornato lui, il Bellachioma di sempre, bello ringhioso come l’avevamo conosciuto ai bei tempi delle leggi illegali e della privatizzazione, anzi previtizzazione, dello Stato. È bastato che, in un giorno solo, l’Europa cancellasse i suoi
aiuti pubblici ai decoder prodotti dal fratello condannando Mediaset e le altre tv a restituire il maltolto (400 miliardi di lire, che lo Stato riavrà grazie al ricorso di Europa7) e la Corte costituzionale
radesse al suolo la legge Pecorella che aboliva il processo d’appello Sme e impediva ai pm di appellare le assoluzioni e le prescrizioni, per far cadere lifting, ceroni e trapianti e rivedere il vero Berlusconi. Quello che nel ’94 – anche se molti suoi oppositori fingono di dimenticarlo – era sceso in campo per non finire in galera e proteggere il suo monopolio televisivo incostituzionale. La doppia ragione sociale del suo impegno politico riemerge con le sue urla belluine contro la Consulta, rea di aver fatto il suo mestiere bocciando l’ennesima
legge illegittima (dopo rogatorie, lodo Maccanico-Schifani, un pezzo di ex Cirielli e di Bossi-Fini), e contro la timidissima legge Gentiloni sulle tv, che pure regala ancora a Mediaset il 45% di affollamento pubblicitario (nel resto d’Europa il massimo è il 30) e le conserva tutte e tre le reti. Visto che la Consulta non prende ordini dal suo collegio difensivo, è «una cosa indegna» e «l’Italia non è una democrazia».

E siccome la Gentiloni non l’han fatta scrivere a lui,
è un «piano criminale contro le mie proprietà private», a difesa
delle quali i suoi discepoli abbandonano come un sol uomo le
commissioni parlamentari, in attesa che l’Unione si cali le brache
per far tornare le pecorelle smarrite. Non bastasse tutto ciò, ci si
mettono pure i titolari del Sorrento Palace, teatro
dell’indimenticabile convention dei Dell’Utri Boys: anziché
sentirsi onorati per aver ospitato l’Evento, questi mariuoli
pretendono addirittura che Dell’Utri paghi il conto: una cosina da
700 mila euro. E poi dicono che l’Italia è una democrazia. Chissà,
di questo passo, dove andremo a finire. E non basta ancora, perché il
presidente d’Israele Moshè Katsav, nemmeno ancora incriminato per
uno scandalo sessuale, non trova di meglio che autosospendersi e
promettere le dimissioni se sarà rinviato a giudizio: lo fa apposta
per mettere in cattiva luce il Cavaliere, che di rinvii a giudizio ne
ha avuti una dozzina, ma non s’è mai posto il problema (anche
perché il centrosinistra si guardò bene dal porglielo, anzi lo pregò
di restare a Palazzo Chigi). Se questa non è giustizia a orologeria!
Ora, grazie alla Consulta, è probabile che l’abrogato processo
d’appello Sme a Berlusconi, in cui i pm chiedevano di trasformare la
prescrizione in condanna revocando le attenuanti generiche
generosamente concesse dal Tribunale, si riapra. Anche se è
improbabile che giunga in porto prima d’esser falcidiato dall’ex
Cirielli. Ma soprattutto ripartiranno gli altri appelli, per esempio
quello di Palermo a carico di Dell’Utri appena assolto per il
complotto ultraprovato con falsi pentiti contro quelli veri. Gli errori
giudiziari più diffusi, si sa, non sono le condanne degli innocenti,
ma le assoluzioni dei colpevoli. Ed era per consolidare queste ultime
che era nata la bella trovata di abolire l’appello del pm (ma non del
condannato). Ora l’ottimo Pecorella, che un anno fa si era visto
dichiarare incostituzionale la sua legge da Ciampi, ma l’aveva
ripresentata quasi uguale, ottenendo anche una proroga di 15 giorni
sulla fine della legislatura per mandarla in porto, piagnucola con
argomenti piuttosto miserelli. Farfuglia di «oscurantismo
giudiziario», come se fino a un anno fa l’Italia avesse vissuto nel
Medioevo. Afferma che, nel processo accusatorio basato sull’oralità,
non ha senso l’appello sulle carte, e avrebbe ragione se solo
completasse l’opera chiedendo di abolirlo per tutti, anche per i
condannati. Poi vaneggia di un «regalo della Consulta ai pm», come se
i pm facessero le indagini per sfizio personale, per divertirsi un
po’, o per guadagnare di più, e non invece perché rappresentano il
«pubblico ministero», cioè tutta la collettività, e hanno
l’obbligo di scoprire la verità, facendo condannare i colpevoli e
assolvere gli innocenti, contrariamente ai difensori, che sono pagati
per far assolvere il cliente sempre e comunque, colpevole o innocente
che sia. Ma certo, per chi era abituato a vincere i processi per legge
(fatta da lui), è dura riabituarsi alla normalità.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger cliccano Mi Piace per questo: